GIUSEPPE FORTUNA A RADIO RADICALE: “PROROGHE VERGOGNOSE (E INCOSTITUZIONALI) DEI CONSIGLI DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE, CORDATE INQUIETANTI PER ARRIVARE AI COCER, UN ANDARSI A CERCAR ROGNE L’AUTORIZZARE ASSOCIAZIONI DI MILITARI A SVOLGERE ATTIVITA’ COMMERCIALI” (29 ottobre 2011)

vergogna220[1]

L’audio dell’intervista di Radio Radicale a Giuseppe Fortuna, segretario generale dell’Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà  (Ficiesse), andata in onda sulle frequenze di Radio Radicale il 24 ottobre 2011 nell’ambito della rubrica “Cittadini in divisa” condotta da Luca arco Comellini, è disponibile alla pagina  http://www.radioradicale.it/scheda/338416/cittadini-in-divisa.

Si segnalano, tra l’altro: – intorno al 10° minuto, l’osservazione sull’antidemocraticità  e completa incostituzionalità  delle proroghe degli organismi della rappresentanza militare e sull’insidia rappresentata dal fenomeno delle “cordate” per le elezioni dei delegati dei Consigli intermedi (Coir) e centrali (Cocer);

– intorno al 18° minuto, l’osservazione sull’esigenza che il ministro della difesa non conceda autorizzazioni ex art. 8 della legge 382/1078 ad associazioni di militari che svolgono attività  oggettivamente commerciali, come avvenuto, nel tempo, per due associazioni di Carabinieri (se cominciano a girare soldi prima o poi sono rogne);

– intorno al 24° minuto, l’annuncio che sarà  mobilitata la società  civile e la rete in caso di ulteriore, scandalosa proroga del X mandato della Rappresentanza militare con un terzo decreto legge del governo;

–  intorno al 26° minuto, la notazione sull’importanza dell’Adunanza plenaria degli Organismi della rappresentanza militare della Gdf a Castelporziano convocata per i giorni 25 e 26 ottobre 2011;

– intorno al 28° minuto, le osservazioni sul tentativo di tagliare il trattamento economico aggiuntivo (tea) al personale della Direzione investigativa antimafia. La DIA è una struttura agile ed efficace, non va ridimensionata ma va presa come modello di riferimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *