GIUSEPPE FORTUNA AL CONVEGNO “LEGALITA’ ECONOMICA: CONVIENE!” PRESSO LA CAMERA DEI DEPUTATI: PIU’ TRASPARENZA SUGLI OBIETTIVI DEI LIVELLI TERRITORIALI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE E MENO OPACITA’ NEI TRASFERIMENTI DEI FINANZIERI (18 giugno 2013)

2

L’intervento di Giuseppe Fortuna al Convegno “Legalità economica: conviene!”, organizzato da Cgil, Ficiesse, Avviso Pubblico e Cittadinanzattiva, è stato suddiviso in quattro parti disponibili alle pagine appresso indicate.

PARTE PRIMA (http://www.youtube.com/watch?v=kXmhPgFO9r0&list=TL_Y2Ciski1aY) I nuovi scenari aperti dalla crisi – Siamo nell’era della competizione globale e quindi delle riforme continue – Bisogna riuscire a risolvere il NODO DEL FUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Vanno rigettate le tentazioni di “COMPROMESSI AL RIBASSO” tra vertici delle pubbliche amministrazioni e lavoratori sindacalizzati – Devono entrare in sinergia in ciascun territorio: pubbliche amministrazioni centrali, comuni, lavoratori sindacalizzati, aziende, cittadini e organizzazioni civiche.

PARTESECONDA (http://www.youtube.com/watch?v=Y2RNzwWvN_k) Come riuscire a valutare in concreto il funzionamento di una pubblica amministrazione – “Merito” DEVE ESSERE SOSTANZA (migliorare in modo visibile la qualità  della vita dei cittadini su ciascun territorio e a costi decrescenti) E NON FORMA (esempi: collezioni di titoli formali, lauree, master o encomi legati alla fedeltà  e all’obbedienza e non alla capacità  di raggiungere obiettivi di produttività  e di efficienza) – LA CENTRALITA’ DEI PROCESSI DI MIGLIORAMENTO nella gestione per risultati – IN COSA ECCELLE AGENTRATE (tensione verso il contenimento dei costi e il conseguimento degli obiettivi, …segue…)

PARTE TERZA (http://www.youtube.com/watch?v=YEglVYspxqI) SEGUE IN COSA ECCELLE L’AGENTRATE (obiettivi semplici, chiari ed espressi in numeri facilmente verificabili, struttura piatta, ottimo sistema di risk management, carriere basate sulla capacità  di raggiungere gli obiettivi), IN COSA DOVREBBE MIGLIORARE AGENTRATE (enfasi solo formale sulla “compliance”, non c’è trasparenza sugli obiettivi dei livelli territoriali, mancanza di obiettivi di riduzione del tax gap, ancora poca integrazione con la Gdf) – IN COSA ECCELLE LA GDF (compresenza della professionalità  di polizia giudiziaria con la professionalità  di polizia tributaria, competenza nel controllo della spesa pubblica, …segue…)
PARTE QUARTA (http://www.youtube.com/watch?v=u4iyHg0Ih5E) SEGUE IN COSA ECCELLE LA GDF(presenza sul territorio, capacità  di operare in contesti a rischio criminale, buona tenuta morale grazie alla severità  nei confronti del personale imputato di reati, appuntati e finanzieri e personale Atpi,  esperienza d’avanguardia nella gestione per obiettivi, limitato numero di dirigenti, preparazione del Cocer, operatività  di Ficiesse), IN COSA DEVE MIGLIORARE LA GDF (costi molto elevati dovuti a troppi livelli gerarchici, rischi di gerarchie parallele, mancanza di obiettivi strutturati di miglioramento dell’efficienza, disinteresse verso la prevenzione, mancanza di sistemi premiali collegati alla performance, opacità  nella gestione dei trasferimenti e problema dei “distacchi”), LE PROPOSTE DI FICIESSE

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *