ARTICOLO DELL’ESPRESSO SU UNA “PARENTOPOLI” AL POLIAMBULATORIO DELLA GUARDIA DI FINANZA DI ROMA: CINQUE DOMANDE AL GENERALE CAPOLUPO – di Giuseppe Fortuna (22 novembre 2014)

cv cb La notizia pubblicata a pagina 19 dell’Espresso uscito ieri in edicola è, eticamente, di una gravità sconvolgente: ci sarebbe una “parentopoli” al Poliambulatorio della Guardia di finanza di via Nomentana a Roma.

Vogliamo, pretendiamo di sapere subito dal comandante generale Capolupo:

1) chi sono esattamente i parenti di appartenenti al Corpo, a cominciare dai suoi, che opererebbero presso detto Poliambulatorio;

2) in caso affermativo, di specificare con assoluto rigore ed esattezza con quali logiche e criteri tali parenti, a cominciare dai suoi, sono stati selezionati;

3) in caso affermativo, se tali parenti, a cominciare dai suoi, hanno percepito compensi, il loro esatto ammontare anno per anno ed esattamente per qual genere di prestazioni;

4) se risponde al vero:

– che il Poliambulatorio in argomento sia diretto da un medico di 84 anni;

– da che anno tale professionista ricopra tale incarico;

– da chi, con quali criteri, ed esattamente per quali meriti tale incarico sia stato assegnato a un professionista IN ETA’ COSI’ AVANZATA;

– se può escludere e rendersi personalmente garante e responsabile di fronte ai suoi Uomini che nel rinnovo del contratto del Direttore non abbiano avuto rilievo di alcun genere il fatto che nel Poliambulatorio di Via Nomentana sarebbero stati affidati incarichi a parenti di persone, anche di grado molto elevato, appartenenti al Corpo;

5) in caso affermativo, se Lei non trova comunque GRAVEMENTE SCONVENIENTE, innanzi tutto sotto il profilo dell’esempio, dell’opportunità e specialmente DELL’ETICA MILITARE, alla quale Lei afferma ad ogni minima occasione che tutti gli appartenenti al Corpo debbano rigorosamente informarsi, che tali parenti, a cominciare dai suoi, abbiano ricevuto incarichi professionali dal Poliambulatorio del Corpo proprio da Lei comandato. 

 

GIUSEPPE FORTUNA

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *